Trenitalia lancia l’orario 2016-17: più frequenze e nuove destinazioni

Quattro nuove corse Frecciarossa sulla Roma-Milano, per un totale di 94 al giorno, viaggi più veloci da Torino a Venezia, l’Alta Velocità sulla Milano-Brescia, un risparmio di 30 minuti sulla Roma-Reggio Calabria, nuovi collegamenti FrecciaLink per Courmayeur, Madonna di Campiglio e Cortina: questi gli highlights del nuovo orario 2016-2017 di Trenitalia, in vigore dal prossimo 11 dicembre e illustrato questa  mattina a Milano da Gianfranco Battisti, direttore divisione passeggeri long haul. «Continuiamo sulla strada per raggiungere il nostro obiettivo strategico di erodere quote di mercato alle auto, soprattutto su talune direttrici, come nel caso della Milano-Venezia. E lo facciamo attraverso la crescita dell’offerta, il mantenimento del nostro posizionamento premium, che ci distingue dai competitor, le promozioni per sostenere la domanda attraverso una segmentazione del pricing molto forte, la fidelizzazione del cliente con il programma loyalty».

Nel dettaglio, sulla Milano-Roma saranno 45.000 i posti disponibili in più grazie alle quattro nuove corse programmate. La Torino-Milano-Venezia sarà velocizzata grazie all’aumento dei servizi Frecciarossa che saliranno a 30 al giorno e all’apertura della tratta AV sulla Milano-Brescia (con un risparmio di 10 minuti di tempo fino a Venezia); mezz’ora in meno di viaggio anche sulla Roma-Reggio Calabria «grazie anche all’apertura della nuova stazione di Napoli Afragola che eviterà il passaggio di Napoli Centrale».

Ancora, tra le novità una rotta veloce da Bergamo a Roma e da Roma ad Arezzo «in linea con il progetto di allargare il network a destinazioni fuori dall’asse dell’Alta Velocità; questa iniziativa sarà sperimentata presto anche su altre città». Tre le nuove corse operate da FrecciaLink: «Dopo i risultati positivi di questa estate da Perugia a Firenze abbiamo dedicato nuovi collegamenti mirati alle destinazioni a carattere sciistico, partendo dagli hub di AV e arrivando direttamente agli alberghi – con alcuni dei quali sono stati stipulate anche convenzioni, a dimostrazione di quanto l’integrazione della filiera sia fondamentale -: si tratta di Torino-Courmayeur, Treno-Verona-Madonna di Campiglio e Mestre-Cortina. Tutti operati con bus da 50 posti».

Sempre a livello di integrazione e collaborazione con il territorio arriveranno a breve «probabilmente entro la primavera 2017, convenzioni per l’ingresso ai musei delle città di Milano, Brescia, Bergamo e Mantova per chi arriva a destinazione con l’Alta Velocità. E questo grazie ad un’intesa con l’assessorato al turismo della Regione Lombardia». Quest’anno i passeggeri che hanno viaggiato con i Frecciarossa e i Frecciargento sono aumentati del 4% rispetto al 2015, «segnando così un nuovo record». E non poteva mancare un riferimento all’inserimento dei Frecciarossa 1000, «il più importante investimento degli ultimi anni: ad oggi sono 40 i treni operativi per arrivare una volta a regime, aprile 2017, a 50: parliamo di un modello di servizio a bordo molto elevato e di una affidabilità che aumenterà ancora nei prossimi anni».

Fonte travelquotidiano.com