Legge Stabilità: 20 novità per turismo e cultura

Franceschini, il bilancio del Mibact torna a superare i 2 miliardi

Con la legge di stabilità approvata in questi giorni dal Parlamento, annuncia il ministro Franceschini, il bilancio del Mibact torna a superare i 2 miliardi di euro, in aumento del 27% nel 2016 rispetto al 2015.

A seguire le misure previste per il settore:

1) CONCORSO 500 PROFESSIONISTI: in deroga ai limiti previsti per le assunzioni nella P.A, è stato autorizzato un concorso straordinario per l’assunzione a tempo indeterminato di 500 funzionari dei beni culturali selezionati tra antropologi, archeologi, architetti, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, esperti di promozione e comunicazione, restauratori e storici dell’arte.

2) ART BONUS: viene resa permanente l’agevolazione fiscale del 65% per le erogazioni liberali a sostegno della cultura.

3) CARD GIOVANI: I ragazzi che compiranno 18 anni nel 2016 avranno una carta elettronica con 500 euro da usare per teatri, musei, aree archeologiche, mostre, eventi culturali e per l’acquisto di libri.

4)PERIFERIE: 500 milioni di euro per la riqualificazione urbana e la sicurezza nelle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia, lo sviluppo di pratiche di inclusione sociale anche con il coinvolgimento del terzo settore e del Servizio civile nazionale.

5) CINEMA E AUDIOVISIVO: I fondi per i Tax Credit sono aumentati di 25 milioni di euro – si passa dai 115 milioni di euro del 2015 ai 140 milioni nel 2016 con un incremento di +21%.

6) PROMOZIONE TURISTICA: La nuova Enit avrà a disposizione 10 milioni di euro aggiuntivi annui per la promozione internazionale del Paese.

7) ARCHIVI, BIBLIOTECHE, ISTITUTI: 30 milioni di euro in più ogni anno per il funzionamento di Archivi e Biblioteche e per gli Istituti del Ministero. Inoltre, aumenta di 1 milione e 700 mila euro la dotazione complessiva di 4 istituti del Mibact: l’Archivio centrale dello Stato, l’Istituto centrale per la Grafica, l’Istituto centrale per gli Archivi e l’Istituto Centrale la demoetnoantropologia.

8) ISTITUTI CULTURALI: Raddoppiano le risorse per enti istituti e associazioni e fondazioni del mondo della cultura. In particolare 1 mln in più per Crusca Lincei.

9) MUSEI: 20 milioni di euro in più ogni anno per il sistema museale (spese funzionamento, servizi per il pubblico).

10) MATERA CAPITALE CULTURA: 28 mln di euro in 4 anni per Matera Capitale Europea della Cultura 2019

11) BENI CULTURALI: Stanziati 30 mln per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019 per interventi di conservazione, manutenzione, restauro e valorizzazione dei beni culturali.

12) FONDI PER GRANDI PROGETTI: 70 mln di euro in più nel 2017 per il Piano strategico “Grandi Progetti Culturali” e +65 milioni dal 2018. Confermato il nuovo fondo di 100 mln euro annui dal 2016 per interventi di tutela del patrimonio storico artistico della Nazione

13) SIAE PER I GIOVANI: Viene destinato il 10% dei compensi percepiti dalla SIAE per copia privata, ad attività di produzione culturale nazionale e internazionale.

14) FONDAZIONI LIRICHE: Prorogato al 2018 il termine per il raggiungimento dell’equilibrio strutturale di bilancio per le fondazioni che hanno aderito al risanamento e incrementato di 10 mln il fondo di rotazione.

15) CORI E BANDE: stanziato 1 mln euro anno per il periodo 2016–2018 per il finanziamento di festival, cori e bande.

16) NUOVA ALES: vengono razionalizzate le società in house del Mibact, Ales incorporerà Arcus.

17) 2 X MILLE CULTURA: I contribuenti potranno decidere di destinate il 2×1000 del reddito alle associazioni culturali.

18) MOBILITA’ E TURISMO SOSTENIBILE: 50 mln di euro per un sistema nazionale di ciclovie turistiche e ciclostazioni e interventi per la sicurezza della ciclabilità cittadina; 3 mln euro per itinerari turistici a piedi.

19) LAVORATORI STAGIONALI: Estensione deducibilità del costo del lavoro dall’imponibile IRAP, nel limite del 70 %, per i lavoratori stagionali.

20) RIMBORSO IVA AI TURISTI: tabelle fisseranno le percentuali minime di rimborso IVA ai turisti cittadini extra UE che fanno acquisti in Italia.

Fonte Guida Viaggi