IATA

La Iata rivede le stime: aumentano le perdite nette ma ripresa già da fine 2021

La Iata ha ha riaggiornato le previsioni per il 2020 e il 2021. Per il 2020 è prevista una perdita netta di 118,5 miliardi di dollari, superiore alla previsione di 84,3 miliardi di dollari stilata lo scorso giugno. Si prevede una perdita netta di 38,7 miliardi di dollari nel 2021, in aumento rispetto ai 15,8 miliardi di dollari previsti lo scorso giugno.

La seconda metà del 2021 dovrebbe però migliorare dopo una prima parte dell’anno molto impegnativa. La previsione di Iata conferma che un taglio aggressivo dei costi si combinerà all’aumento della domanda prevista nel 2021 grazie alla riapertura dei confini con i test e alla disponibilità diffusa di un vaccino. Questo dovrebbe portare a far tornare positivo il settore in termini di cassa già nel quarto trimestre del 2021, in anticipo rispetto a quanto previsto in precedenza.

Questa crisi è inesorabile. Le compagnie aeree hanno tagliato i costi del 45,8%, ma i ricavi sono scesi del 60,9%. Il risultato è che le compagnie aeree perderanno 66 dollari per ogni passeggero trasportato quest’anno, per una perdita netta totale di 118,5 miliardi di dollari. Questa perdita verrà ridotta drasticamente di 80 miliardi di dollari nel 2021. Ma la prospettiva di perdere 38,7 miliardi il prossimo anno non è positiva. Dobbiamo riaprire le frontiere in modo sicuro senza quarantena in modo che le persone possano volare di nuovo. E con le compagnie aeree che devono resistere almeno fino al quarto trimestre del 2021, non c’è tempo da perdere “, ha commentato Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo della Iata.

Le previsioni indicano infine che il numero di passeggeri dovrebbe crescere fino a 2,8 miliardi nel 2021. Sarebbe un miliardo di viaggiatori in più rispetto al 2020, ma ancora 1,7 miliardi al di sotto delle prestazioni del 2019. I volumi di passeggeri torneranno ai livelli del 2019 non prima del 2024.

 

Articolo scritta da ttgitalia.it