I segreti di Trenitalia: ‘Noi facciamo il turismo’

“Abbiamo chiaro il nostro modello: vogliamo diventare un player globale nel trasporto e nella logistica. E questo, nel turismo, vuole dire che abbiamo il compito di riqualificare ed allargare l’offerta turistica, innovare, formare e interagire con tutte le filiere quelle principali e quelle di nicchia”. Gianfranco Battisti, direttore divisione passeggeri di Trenitalia e Alta Velocità, nonché presidente di Federturismo, racconta a TTG Italia come il ruolo delle ferrovie sarà sempre più centrale nello sviluppo turistico nazionale.

Nel suo doppio incarico, Battisti vede infatti in maniera completa sia le esigenze degli operatori del settore sia le questioni relative al trasporto. “Gli operatori – spiega – chiedono porte di accesso del Paese efficienti e integrate con i sistemi infrastrutturali di prima grandezza, ‘accessibilità locale’ per i flussi turistici  verso le destinazioni siano esse città d’arte o centri minori il tutto attraverso un’integrazione modale favorita da soluzioni digitali innovative e che diventi essa stessa un elemento dell’attrattività della nostra offerta turistica. Che è quello che prevede, fra l’altro, il Piano strategico del turismo”.
Trenitalia, secondo Battisti, sarà “protagonista di questo cambio di passo e il suo ruolo sarà decisivo per creare un sistema di trasporti veramente integrato e il più possibile efficiente”.


L’operazione Freccialink

Il primi passi, ricorda il manager, sono stati mossi proprio quest’anno, con la nascita di Freccialink. “L’iniziativa ha permesso a Trenitalia di estendere i benefici del Frecciarossa e dell’Alta Velocità a centri strategici per il turismo e per l’economia che non erano collegati all’Alta Velocità – spiega -. Prendiamo Perugia, una destinazione molto apprezzata anche all’estero che vale 5 milioni di turisti all’anno e non era collegata con gli hub fondamentali dell’Av. Abbiamo fatto in modo che fosse subito collegata con Freccialink. Il risultato: quattromila persone in poco più di due mesi, quattromila turisti in più che hanno dato un forte impulso alla domanda turistica e a tutto l’indotto. Lo stesso successo per Matera con ben cinquemila persone. E poi gli altri collegamenti con destinazioni a vocazione sia turistica che di affari: Siena e L’Aquila con risultati molto soddisfacenti”. Al momento, dice Battisti, la clientela è stata principalmente italiana, perché il turismo internazionale prenota con grande anticipo, ma dai prossimi mesi le aspettative dai mercati esteri sono alte.


L’accordo con Google

Altro passo destinato alla customer experience, ma anche a qualcosa di più, è l’accordo con Google, stretto nelle scorse settimane. “L’intesa con Google permette ai nostri clienti di pianificare al meglio i loro viaggi, scegliendo i percorsi fino ad arrivare alle fermate dei mezzi di trasporto pubblico nelle aree urbane – spiega ancora Battisti -. La collaborazione fra Trenitalia e Google è anche coerente con gli obiettivi che tutto il Gruppo FS si prefigge: diventare un vero e proprio integratore di mobilità capace di valorizzare l’intermodalità e offrire a chi viaggia servizi efficaci e di qualità”.

Fonte ttgitalia.com