Bancomat e documenti Parte l’anno del digitale

Una nuova carta d’identità, acquisti online più facili, una ‘identità digitale’ che consentirà a cittadini e imprese di accedere a diversi servizi della pubblica amministrazione. Il 2016 sarà l’anno in cui la tecnologia cambierà la vita di aziende e clienti.

Il quotidiano La Stampa ha riassunto alcune delle principali novità che vedranno (o potrebbero vedere) la luce nell’anno in corso. E alcune di queste incideranno anche sul mondo dei viaggi e delle vacanze.

Bancomat anche per gli acquisti online

In Italia, lo scoglio da superare per l’acquisto online spesso è il timore di utilizzare la carta di credito. A questo proposito è in fase di sperimentazione l’uso del bancomat per l’ecommerce, con un sistema che consentirebbe di evitare qualunque invio di Pin o password. Secondo quanto riportato dal quotidiano, infatti, il meccanismo comporterebbe il reindirizzo dell’utente sul sito di home banking.

Per capire il peso della rivoluzione, basta pensare che in Italia circolano circa 36 milioni di bancomat, contro i 20 milioni di carte di credito e i 22 milioni di prepagate.

Identità digitale

Diversa dalla carta d’identità digitale, sarà un sistema che consentirà, con un’unica credenziale, di accedere a 300 servizi della Pubblica amministrazione. Entro fine 2017, tutta la Pa dovrebbe aderire al sistema Spid (ovvero Sistema Pubblico di Identità digitale)

Documenti cartacei addio

Stop alla vecchia carta di identità. Il nuovo documento di riconoscimento sarà elettronico e comprenderà la foto del titolare, l’immagine delle impronte digitali e il codice fiscale, oltre ai dati anagrafici. La novità è apparsa in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre e andrà progressivamente a sostituire i vecchi documenti.

Fonte TTG Italia