Alitalia riduce le perdite nel 2015 e fa 22 mln di pax, utile nel 2017

Nel 2015 Alitalia ha registrato una perdita pari a 199,1 milioni di euro, contro il rosso di 580 milioni del 2014. E’ stata l’assemblea della compagnia aerea ad approvare i conti. I ricavi si sono attestati a 3,3 miliardi e il ritorno alla profittabilità, come già annunciato, è fissato entro il 2017 “grazie a rilevanti performance del 2015”.

Durante lo scorso anno, la compagnia ha trasportato 22,1 milioni di passeggeri, con un tasso di riempimento degli aerei del 76,2%. Alitalia ha beneficiato anche di un importante e crescente contributo, pari a 235,4 milioni di euro, dalle sue partnership in codeshare. Da gennaio 2015, Alitalia ha condiviso 450 mila passeggeri con Etihad Airways e più di 1,2 milioni con le compagnie aeree Etihad Airways Partners.

Le nuove procedure operative “hanno consentito di registrare un tasso di puntualità nel 2015 dell’80,2%, una regolarità dei voli pari al 99,5% e una riduzione del 50% dei bagagli smarriti. Queste novità hanno già avuto un impatto positivo sull’esperienza di viaggio dei passeggeri. La quota di mercato della compagnia sui voli da e per l’Italia nel 2015 è cresciuta di quattro punti percentuali, raggiungendo il 30%. Ad aprile 2016 l’indice di gradimento da parte dei clienti ha raggiunto l’87%, il dato più alto registrato dal 2012, anno di inizio delle rilevazioni”.

“C’è ancora molto da fare per raggiungere i nostri obiettivi di lungo termine, ma già quest’anno abbiamo raggiunto molti traguardi significativi – commenta l’ad Cramer Ball -. La prossima fase della nostra strategia vedrà investimenti pari a 400 milioni di euro nel 2016 per la flotta, per il rinnovamento delle cabine degli aerei, in tecnologia e in infrastrutture”.

Per il presidente di Alitalia, Luca Cordero di Montezemolo, la riduzione delle perdite nel 2015 “è un primo importante segnale, che si aggiunge al gran lavoro in atto per il miglioramento dei servizi, degli aerei e del network con l’aggiunta di importanti rotte intercontinentali. Stiamo mantenendo la promessa di creare una compagnia aerea top di livello internazionale”

Fonte travelnostop.com