28984_204620_IMG3433_372941_medium

Domenico Pellegrino, tutti gli investimenti di Bluvacanze per gli agenti di viaggi

Una fase di enorme cambiamento. È questo, secondo il ceo di Bluvacanze Domenico Pellegrino, (nella foto), il momento che sta vivendo il network. “Siamo alle porte di un’evoluzione ulteriore, parlo dell’impatto massivo dei sistemi di intelligenza artificiale” afferma il manager, durante la convention dell’azienda.

Il ceo prosegue: “È evidente che tutto il sistema di relazioni, anche commerciali, ne risente e pertanto cerca nuovi equilibri“. Ma il turismo, nonostante sia tradizionalmente un settore che ha sempre accolto con slancio le novità, su alcuni aspetti continua a percorrere le stesse strade del passato; con modelli non più validi per interpretare le reali esigenze.

“Come Bluvacanze proponiamo un modello industriale che sia una garanzia per il cliente finale e per gli operatori” aggiunge. “Già da alcuni anni abbiamo percepito i nuovi sentiment del mercato e dunque la ricerca da parte del consumatore del fattore umano”. E prosegue: “Parlare di tecnologia come qualcosa di nuovo è assurdo”.

L’integrazione Online-Offline
Quello proposto è un modello integrato O2O, online to offline. Ovvero, un mix dei due elementi. “Se come rivelano gli studi è vero che i Millennials, per il 70%, preferiscono un punto di vendita fisico e per questo tipo di servizio sono disposti a pagare di più, allora dobbiamo dire che il negozio è parte del processo”.

Gli investimenti della rete
Il punto cardine è l’approccio customer oriented, la capacità di rendere i servizi carichi di valore e contenuti. “Tutto ciò si riflette su ciò che stiamo facendo in ottica di investimenti”, sottolinea Pellegrino. Che elenca: “Due milioni e mezzo sull’implementazione di Ada, la intranet per il comparto leisure, Map per il business travel con Cisalpina, Going for you per la parte di tour operating”.

tutto ciò si aggiunge un budget di circa 1 milione di euro l’anno per maintenance e gestione. “In questo processo di evoluzione in cui vogliamo che il contatto ‘human to human’, l’esperienza, siano già nel punto vendita, ci tengo a precisare soltanto un dato: da aprile 2018 a oggi 103 agenzie hanno effettuato un restyling riscuotendo un enorme successo”.

Fonte https://www.ttgitalia.com